Riqualificazione energetica, con il Pon Metro Reggio Calabria nuova luce per il Viale Europa e la zona nord

ASSE 2

Sostenibilità dei servizi
pubblici e mobilità

“Aggiungiamo un altro fondamentale tassello alla più ampia opera di rigenerazione e rilancio del tessuto urbano in un’ottica di innovazione ed efficienza. Per Reggio Calabria si tratta di un risultato che solo fino a qualche anno fa sembrava impensabile, ovvero veder rinascere interi settori della città per anni abbandonati al loro destino, nel quadro di un preciso programma che sta abbracciando il centro e le periferie”.
E’ questo il commento dell’assessore alle Politiche comunitarie del Comune di Reggio Calabria, avv. Giuseppe Marino, a margine della formalizzazione degli atti per la consegna dei lavori di riqualificazione energetica e installazione degli impianti di pubblica illuminazione lungo il Viale Europa, nella periferia Sud e a Catona, ingresso nord della città. Interventi del valore complessivo di circa 1,9 milioni di euro resi possibili grazie alle risorse del Pon Metro nell’ambito dell’Asse 2, ovvero l’asset che promuove le politiche per la sostenibilità dei servizi pubblici e della mobilità urbana. Intervento che consentirà l’installazione di circa 1300 nuovi punti luce, a tecnologia led, con pali in alluminio completamente riciclabili, quadri telegestiti da remoto e in grado di generare un risparmio energetico per le casse comunali di circa il 55%.


“In un momento particolarmente delicato per il nostro Comune – ha poi evidenziato l’assessore Marino – in ragione delle note difficoltà legate al bilancio dell’Ente, la nostra città registra il costante avanzamento di importantissimi interventi di riqualificazione e ammodernamento grazie ad una scrupolosa e attenta attività di programmazione e spesa delle risorse comunitarie che fanno capo al Pon Metro. Quando siamo arrivati, qualche anno fa, abbiamo dovuto fare i conti con uno scenario di grave arretratezza sul versante energetico che vedeva la città ferma a modelli operativi e dispositivi tecnologici ormai ampiamente superati in termini di funzionalità e sostenibilità. Oggi – prosegue Marino – possiamo parlare di opere in fase di avvio che ci consentiranno di rilanciare il tessuto urbano in chiave smart e innovativa nel solco, dunque, degli indirizzi previsti dai programmi di sviluppo comunitari”.
A breve, dunque, verranno aperti i cantieri sul Viale Europa (l’intera arteria, tra l’altro, sarà oggetto di una profonda riqualificazione che interesserà anche la sede stradale che verrà completamente ristrutturata su due corsie) e nella zona nord a Catona per l’installazione di impianti di illuminazione di ultima generazione e di grandissimo impatto sotto il profilo del risparmio energetico. Impianti che avranno anche la predisposizione per l’installazione di dispositivi di videosorveglianza, sensoristica e monitoraggio da remoto dei corpi illuminanti.


“Stiamo adottando un modello operativo – ha spiegato Marino – notevolmente diverso rispetto al passato per fare in modo che l’attività di programmazione degli interventi si sviluppi nel quadro di un ampio e trasversale partenariato. In questa direzione stiamo coinvolgendo le associazioni di categoria, i sindacati, l’università con tutto il suo prezioso bagaglio di competenze settoriali, le professioni, il mondo produttivo e la società civile. Un coinvolgimento che ci consente anche di rafforzare l’opera di monitoraggio dei cantieri affinché i lavori vengano svolti a regola d’arte. Ormai da quattro anni – ha poi concluso l’assessore – questo Comune spende tutti i fondi comunitari assegnati e si sta progressivamente affermando quale modello virtuoso di riferimento in ambito nazionale”.